INCENTIVI imprese turistiche e commerciali Emilia Romagna

2017-02-27T16:17:03+00:0016 Marzo 2015|Notizie|

INCENTIVI – La Regione Emilia-Romagna ha pubblicato un bando per la concessione di incentivi finalizzati a promuovere il risparmio energetico, l’uso efficiente dell’energia e la valorizzazione delle fonti rinnovabili.

Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese singole, i consorzi e/o le società consortili costituiti, anche in forma cooperativa o con associazione temporanea d’impresa, tra piccole e medie imprese aventi sede operativa in Emilia-Romagna ed attive nei settori commercio e turismo.

Per quanto riguarda il settore del turismo, le imprese che possono presentare la domanda devono appartenere alle categorie definite negli articoli che vanno dal 5 all’11 compresi della L.R. 16/2004: strutture ricettive alberghiere, strutture ricettive all’aria aperta, case per ferie, ostelli, rifugi alpini escursionistici, affittacamere, case e appartamenti per vacanze.

Per quanto riguarda il settore del commercio, le imprese che possono presentare la domanda devono esercitare attività commerciale all’ingrosso o al dettaglio o di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande.

Sono inoltre ammesse le categorie definite come stabilimenti balneari, discoteche, sale da ballo e stabilimenti termali autorizzati ai sensi della L.R. 32/1988.

Sono ammesse a contributo le seguenti tipologie d’intervento:

  • interventi integrati comprendenti sia misure di risparmio energetico o di miglioramento dell’efficienza energetica sia l’installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili;
  • interventi che prevedono esclusivamente l’installazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili.

La dimensione finanziaria minima degli investimenti è pari a 20.000 euro.

Le spese ammissibili, sostenute a partire dal 1° gennaio 2014 ed entro il 15 ottobre 2015, comprendono:

  • spese per la progettazione, la direzione lavori e il collaudo e la certificazione degli impianti, macchinari, attrezzature e sistemi ammessi ad intervento;
  • spese per la fornitura dei materiali e componenti necessari alla realizzazione degli impianti, macchinari, sistemi, dispositivi e attrezzature ammesse ad intervento;
  • spese per l’installazione e posa in opera degli impianti, macchinari, sistemi, dispositivi e attrezzature, ammessi ad intervento;
  • spese per opere edili ed impiantistiche strettamente necessarie e connesse alla realizzazione degli interventi energetici;
  • spese per l’acquisto di software dedicati alla gestione e controllo dei consumi energetici aziendali;
  • spese per l’acquisto di diritti di brevetto, di licenze, di know-how o di conoscenze tecniche non brevettate finalizzate alla formulazione e attuazione del progetto di efficienza energetica;
  • spese sostenute per l’acquisizione di studi e/o consulenze in materia energetica finalizzate alla realizzazione degli interventi;
  • spese per consulenze specializzate finalizzate alla redazione della diagnosi energetica aziendale e/o alla certificazione dell’edificio;
  • spese sostenute per polizze fideiussorie o altre garanzie bancarie o assicurative a sostegno della richiesta di pagamento di un anticipo del contributo.

L’agevolazione è concessa sotto forma di contributo in conto capitale il cui importo varia dal 30 al 40% delle spese ammesse, fino ad un massimo di 150.000 euro.

Le imprese interessate possono inviare la domanda di contributo entro il 31 marzo 2015 esclusivamente tramite una specifica applicazione web.

INCENTIVI