ETICHETTATURA: PROVVEDIMENTI PER INDICARE L’ORIGINE DI TUTTI GLI ALIMENTI OBBLIGATORIAMENTE

2019-08-05T12:57:09+00:005 Agosto 2019|Sicurezza Alimentare|

Il Decreto 135/2018 (“Decreto Semplificazioni”) convertito nella Legge 12/2019

Niente più informazioni ingannevoli né falsi sulle tavole.

Febbraio 2019, le Commissioni Lavori pubblici e Affari costituzionali del Senato approvano la norma sull’obbligo di indicare in etichetta l’ origine di tutti i prodotti alimentari in Italia, convertendo con modifiche il Decreto – Legge n. 135 del 14 Dicembre 2018 (“Decreto Semplificazioni”) in Legge n.12 dell’11 Febbraio 2019, recante disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione.

La norma approvata non è esecutiva nell’immediato, dunque non è direttamente applicabile, ma essa è propedeutica all’emanazione di un Decreto Ministeriale che, una volta emanato a livello nazionale, dovrà essere notificato alla Commissione europea a Bruxelles, la quale dovrà stabilire se gli alimenti per cui l’Italia chiede l’obbligatorietà dell’indicazione di origine abbiano i requisiti richiesti adeguati. In seguito, a tre mesi dalla notifica a Bruxelles e se la Commissione non avrà obiezioni o richiederà spiegazioni e chiarimenti, il provvedimento diventerà esecutivo.

Ad avvalorare quanto detto, viene riportato un estratto del testo legislativo della Legge 12/2019, articolo 3 – bis riguardante le disposizioni in materia di etichettatura:

3-bis. Con il decreto di cui al comma 3 sono individuate le categorie specifiche di alimenti per le quali è stabilito l’obbligo dell’indicazione del luogo di provenienza. Ai sensi dell’articolo 39, paragrafo 2, del regolamento (UE) n. 1169/2011, il Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, in collaborazione con l’Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare (ISMEA), assicura la realizzazione di appositi studi diretti a individuare la presenza di un nesso comprovato tra talune qualità degli alimenti e la relativa provenienza nonché a valutare in quale misura sia percepita come significativa l’indicazione relativa al luogo di provenienza e quando la sua omissione sia riconosciuta ingannevole.I risultati delle consultazioni effettuate e degli studi eseguiti sono resi pubblici e trasmessi alla Commissione europea congiuntamente alla notifica del decreto di cui al comma 3.”

In Italia, ad oggi, l’obbligo di indicare l’origine in etichetta esiste SOLO per:

  • Latte e derivati (Indicazione dell’origine in etichetta della materia prima per il latte e i prodotti lattieri caseari, in attuazione del regolamento (UE) n. 1169/2011, relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori introdotta con D.M. 09/12/2016, pubblicato in G.U. 19 gennaio 2017, n. 15);
  • riso (Indicazione dell’origine in etichetta del riso introdotta con D.M. 26/07/2017, pubblicato in G.U. 16 agosto 2017, n. 190);
  • grano duro per  pasta di semola di grano duro (Indicazione dell’origine, in etichetta, del grano duro per paste di semola di grano duro introdotta con D.M. 26/07/2017, pubblicato in G.U. 17 agosto 2017, n. 191);
  • pelati e concentrati di pomodoro ( Indicazione dell’origine in etichetta del pomodoro introdotta con D.M. 16/11/2017, pubblicato in G.U. 26 febbraio 2018, n. 47)

Mentre, nell’ Ue, esiste anche per la carne di pollo e i suoi derivati, la carne bovina, il pesce, l’olio extravergine di oliva, la frutta e verdura fresche, le uova e il miele. Dunque, attraverso l’emendamento, viene data la possibilità di estendere e di adeguare l’obbligo anche per altri alimenti stabiliti dal Mipaaft, ad esempio salumi, carne di coniglio e trasformata, legumi in scatola, pane, marmellate e succhi di frutta.

Inoltre, vi è un ulteriore novità, il decreto prevede una sanzione nel caso di una violazione del futuro eventuale obbligo, ricondotta alle sanzioni previste dal Decreto legislativo 231/2017, articolo 13 (da due a sedici mila euro).

Il Ministro delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centinaio, alla notizia positiva del provvedimento preso, esordisce nel comunicato stampa: “Vince il Made in Italy, vincono i produttori onesti e i consumatori che ora potranno scegliere in totale trasparenza. Niente più informazioni ingannevoli né falsi sulle nostre tavole. Lo avevamo promesso e ora portiamo a casa questo importante risultato. Ce lo avevano chiesto i cittadini, le associazioni di categoria e le nostre aziende che ogni giorno, con il loro lavoro e le eccellenze agroalimentari prodotte, portano in alto il nome del nostro Paese nel mondo. Noi siamo dalla loro parte.

BIBLIOGRAFIA:
SITI
http://www.cnafc.it/decreto_semplificazioni_obbligatoria_lorigine_dellalimento_in_etichetta.html sito CNA forlì – Cesena, Articolo “Decreto semplificazioni: obbligatoria l’origine dell’alimento in etichetta?” del 25 Giugno 2019;
https://ilfattoalimentare.it/etichetta-origine-tutti-ingredienti.html redazione Il Fatto Alimentare, Articolo “In etichetta l’origine di tutti gli ingredienti dei prodotti alimentari! L’ennesima favola di politici e Coldiretti” del 1 Febbraio 2019 di Bianca Crivello e Sara Rossi;
http://www.ansa.it/canale_terraegusto/notizie/mondo_agricolo/2019/01/24/semplificazioni-obbligo-etichetta-per-tutti-alimenti-_67b2f53f-6553-4ba5-b78a-2fb44223e293.html Redazione Ansa –> Terra&Gusto –> Mondo Agricolo , Articolo “Scatta l’obbligo di indicare in etichetta l’origine per tutti gli alimenti”del 24 Gennaio 2019;
https://www.teatronaturale.it/strettamente-tecnico/legislazione/26996-etichettatura-d-origine-obbligatoria-degli-alimenti-via-libera-al-dl-semplificazioni.htm Redazione Teatro Naturale, Articolo “Etichettatura d’origine obbligatoria degli alimenti: via libera al DL Semplificazioni”del 7 Febbraio 2019;
https://www.italiaatavola.net/alimenti/tendenze-e-mercato/2019/1/29/dl-semplificazioni-si-del-senato-origine-obbligatoria-in-etichetta/59127/ Redazione Italia a Tavola, Articolo “Dl Semplificazioni, sì del Senato Origine obbligatoria in etichetta”del 29 Gennaio 2019;
http://www.rpcstudiolegale.it/2019/02/11/obbligo-di-etichetta-di-origine-esteso-in-italia-a-tutti-gli-alimenti-e-la-vittoria-del-made-in-italy-o-solo-una-norma-bandiera/ Rpcstudiolegale, Articolo “Obbligo di etichetta di origine esteso in Italia a tutti gli alimenti: è la vittoria del ‘Made in Italy’ o solo una ‘norma bandiera’?”del 11 Febbraio 2019 dell’avvocato Tommaso Rossi.
DECRETI:
https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2019/02/12/19G00017/sg GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA, allegato LEGGE 11 FEBBRAIO 2019 n. 12, articolo 3 – bis.
IMMAGINI:
immagine Cibo 560×315, presa dal sito La Repubblica, articolo “Mood food’, ecco come il cibo ci aiuta a superare lo stress”.